Seguici anche su Facebook
Comune di Castiglione Tinella

Associazione Comuni del MoscatoAssociazione Contessa di CastiglioneAssociazione Bottega del Moscatolaltrocanto - Comuni area Moscato sudAssociazione per il patrimonio dei paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato - UNESCO

Incentivi a fondo perduto per le PMI agicole

Domande entro il 23 giugno

Contributi fino a 20.000 euro per investimenti in beni strumentali.

Per sostenere gli investimenti relativi ad attività di trasformazione e commercializzazione, a partire dal 23 maggio 2022 le PMI agricole potranno presentare domanda per le agevolazioni del Fondo per gli investimenti innovativi.

Il Fondo, che ha un plafond pari a 5 milioni di euro, eroga un contributo a fondo perduto del 30% dei costi ammissibili, che può arrivare fino al 40% per alcune tipologie di spesa, con un tetto massimo di 20.000 euro per singola impresa.

Spese ammissibili

Per accedere ai diversi contributi sono ammesse le seguenti spese:

  • fondo perduto al 40%: beni strumentali, materiali o immateriali (allegati A o B della legge 232/2016, beni 4.0)
  • fondo perduto al 30%: beni strumentali diversi dai precedenti.

Gli investimenti devono necessariamente riguardare attività di trasformazione o di commercializzazione di prodotti agricoli, esclusa la produzione agricola primaria.  
Non sono ammesse le spese di consulenza, tasse e oneri amministrativi e le spese per la costruzione di fabbricati o terreni.
Le spese ammissibili non possono, in ogni caso, essere di importo inferiore a euro 5.000.

Quando fare domanda

Le istanze si possono presentare a partire dal 23 maggio sino al 23 giugno 2022, inviando PEC all’indirizzo contributofia@pec.mise.gov.it
In caso di esito positivo, le imprese dovranno trasmettere - tra il 30 settembre 2022 e il 30 settembre 2023 - una seconda richiesta di erogazione del contributo vero e proprio, dopo aver effettivamente sostenuto le spese.

Scarica il decreto

Visita su appuntamento la mostra fotografica dedicata alla Contessa di Castiglione Tel.: 0141 855102 (ore ufficio) - Cell.: 335 7040378

Accedi allo sportello online del comune

Lo Sportello OnLine del Comune permette un accesso rapido ed unificato ai servizi digitali erogati dal Comune.
L'utente (cittadino o impresa) potrà autenticarsi sul portale registrandosi, oppure usare le credenziali di accesso dello SPID, il Sistema Pubblico di Identità digitale, se già registrato.

Incentivi a fondo perduto per le PMI agicole

Domande entro il 23 giugno

Contributi fino a 20.000 euro per investimenti in beni strumentali.

Per sostenere gli investimenti relativi ad attività di trasformazione e commercializzazione, a partire dal 23 maggio 2022 le PMI agricole potranno presentare domanda per le agevolazioni del Fondo per gli investimenti innovativi.

Il Fondo, che ha un plafond pari a 5 milioni di euro, eroga un contributo a fondo perduto del 30% dei costi ammissibili, che può arrivare fino al 40% per alcune tipologie di spesa, con un tetto massimo di 20.000 euro per singola impresa.

Spese ammissibili

Per accedere ai diversi contributi sono ammesse le seguenti spese:

  • fondo perduto al 40%: beni strumentali, materiali o immateriali (allegati A o B della legge 232/2016, beni 4.0)
  • fondo perduto al 30%: beni strumentali diversi dai precedenti.

Gli investimenti devono necessariamente riguardare attività di trasformazione o di commercializzazione di prodotti agricoli, esclusa la produzione agricola primaria.  
Non sono ammesse le spese di consulenza, tasse e oneri amministrativi e le spese per la costruzione di fabbricati o terreni.
Le spese ammissibili non possono, in ogni caso, essere di importo inferiore a euro 5.000.

Quando fare domanda

Le istanze si possono presentare a partire dal 23 maggio sino al 23 giugno 2022, inviando PEC all’indirizzo contributofia@pec.mise.gov.it
In caso di esito positivo, le imprese dovranno trasmettere - tra il 30 settembre 2022 e il 30 settembre 2023 - una seconda richiesta di erogazione del contributo vero e proprio, dopo aver effettivamente sostenuto le spese.

Scarica il decreto